NUOVA IMU art. 13 L. n. 214/2011 di conversione del D.L. n. 201/2011

L’imposta municipale propria si applicherà in via sperimentale a decorrere dal 2012 e, a regime, dal 2015. Il presupposto dell’IMU è il possesso, ex art. 2, D.Lgs. n. 504/92, di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli. Viene estesa l’applicazione dell’IMU anche all’abitazione principale e sue pertinenze.

La base imponibile IMU è calcolata applicando:

•  per i terreni agricoli, uno specifico moltiplicatore (120) all’ammontare del reddito dominicale risultante in Catasto;

•  per i fabbricati, i seguenti moltiplicatori all’ammontare della rendita catastale rivalutata del 5%:

 

Categ.

catastale

Moltiplicatore

 

 

Categ.

catastale

Moltiplicatore

A (tranne A10)

160

 

A/10

80

C/2 - C/6 - C/7

160

 

D

60

B

140

 

C/1

55

C/3 - C/4 - C/5

140

 

 

 

 

È prevista un’aliquota IMU:

-  ordinaria, nella misura dello 0,76% che i Comuni potranno aumentare o diminuire dello 0,3%. La riduzione potrà essere disposta fino allo 0,4% per gli immobili non produttivi di reddito fondiario, posseduti da soggetti IRES, locati;

-  ridotta:

•  nella misura dello  0,4% per l’abitazione principale e relative pertinenze che i Comuni possono aumentare o diminuire dello 0,2%;

•  nella misura dello  0,2% per fabbricati rurali ad uso strumentale, che i Comuni possono diminuire fino allo 0,1%.

È prevista una  specifica detrazione per l’IMU riferita all’abitazione principale e sue pertinenze di ammontare pari a 200 euro rapportata “al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione”. Viene altresì precisato che in presenza di  più soggetti, la detrazione spetta a ciascuno di essi in proporzione alla quota di destinazione dell’immobile ad abitazione principale.

​Le ultime modifiche del Decreto“Salva Italia” hanno introdotto importanti novità riguardo all’IMU.

È infatti previsto un ridimensionamento dell’imposta sulla prima casa, con una detrazione di 50 Euro per ogni figlio a carico - per un numero massimo di 8 figli di età non superiore ai 26 anni - purché abbia abituale dimora e residenza anagrafica nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale. Non è ancora stato stabilito però se la detrazione riguarderà tutte le famiglie oppure solo quelle con reddito più basso.

Tutte le news